sushi a bolzano

OSSA E CALCIO 🍼

a cura di ActionMax
Ultima modifica 2 mesi fa

Sentire ancora parlare 🗣️ al giorno d’oggi del latte che apporta calcio nelle ossa e serve a mineralizzarle per prevenire e curare l’osteoporosi, è davvero una non scienza, una mancanza di consapevolezza a livello scientifico.

Il latte 🥛 lo yogurt ed i formaggi 🧀 hanno si calcio e lo apportano, ma non è un calcio bio-disponibile.

Ossia, a livello intestinale il calcio contenuto in questi alimenti non viene adeguatamente assorbito.

Perché ? Tutti questi alimenti hanno al loro interno degli OSSALATI, questi si legano a livello intestinale al calcio evitandone l’assorbimento.

Gli alimenti a più alta capacità di apporto di calcio sono le crucifere, ad esempio i broccoli 🥦🥦🥦, il cavolo, cavolo verde, cavolo viola, cavolo nero, i cavoletti di Bruxelles, oltre ai semi di Chia che fanno parte della famiglia delle labiate, che ha al suo interno anche la salvia e la menta.

Questi alimenti apportano ben 5 volte il quantitativo di calcio contenuto nel latte, rendendolo bio-disponibile.

Migliorare è possibile, basta volerlo.

Il vostro ActionMax

2 risposte

  1. Buonasera ho letto con piacere il vostro articolo sull’assimilazione del calcio. Vorrei approfondire un po’ l’argomento se possibile in quanto io ho 47 anni affetta da drepano e in menopausa da 1 anno. Quindi per me é molto importante l’assimilazione del calcio. Mangio molte mandorle e bevo il latte di soia, e non mangio carne. Grazie
    Stefania

    1. Prima di tutto Stefania ti ringrazio per il tuo messaggio. Ora passiamo al clou!
      La drepanocitosi, nota anche come anemia falciforme, è una malattia genetica del sangue caratterizzata dalla presenza di un tipo anomalo di emoglobina, chiamata emoglobina S. Questa condizione causa la formazione di globuli rossi rigidi e a forma di falce anziché di disco, il che può ostacolare il flusso sanguigno e portare a vari problemi di salute. La drepanocitosi può causare anemia cronica, dolore, infezioni frequenti, danno agli organi e altre complicazioni. È una malattia ereditaria che richiede cure mediche specializzate.
      Per il calco quindi è importante notare che il calcio è un minerale essenziale coinvolto nella formazione e nel mantenimento delle ossa e dei denti, oltre a svolgere un ruolo importante nella trasmissione nervosa, nella contrazione muscolare e nella coagulazione del sangue.

      Le mandorle sono una fonte di calcio, ma è importante considerare che il loro contenuto di calcio può variare a seconda del metodo di preparazione e della quantità consumata. Tuttavia, sono anche una fonte di grassi monoinsaturi e polinsaturi sani e altri nutrienti come la vitamina E.

      Il latte di soia è spesso arricchito con calcio, ma è importante essere consapevoli dei potenziali problemi legati alla soia. La soia contiene composti chiamati fitoestrogeni, che possono agire come modulatori degli ormoni estrogeni nel corpo. Sebbene alcuni studi suggeriscano che i fitoestrogeni possano avere benefici per la salute, c’è anche preoccupazione che un’eccessiva esposizione a essi possa avere effetti negativi sulla salute, specialmente per le donne in menopausa o con condizioni specifiche come la drepanocitosi.
      Tuttavia, è importante notare che la ricerca sui fitoestrogeni e sulla soia è ancora in corso e che gli effetti possono variare da individuo a individuo. È consigliabile consultare un professionista sanitario per valutare i propri rischi e benefici individuali legati al consumo di soia, specialmente in caso di condizioni mediche specifiche come la drepanocitosi e la menopausa.

      Infine, è sempre consigliabile ottenere il calcio e altri nutrienti da una varietà di fonti alimentari come verdure a foglia verde scuro. Integratori di calcio possono essere utili se non riesci a soddisfare il fabbisogno con la dieta. . Gli integratori di calcio possono essere utili per garantire un adeguato apporto, ma è importante seguirne le indicazioni e consultare un medico prima di assumerli, specialmente se si ha una condizione medica o si stanno assumendo farmaci che potrebbero interagire con il calcio.

      ASSIMILAZIONE DI CALCIO

      Per assimilare il calcio, il corpo richiede diversi fattori che favoriscono l’assorbimento e l’utilizzo efficace del minerale. Alcuni di questi fattori includono:

      Vitamina D: Questa vitamina è essenziale per l’assorbimento del calcio dall’intestino tenue nell’organismo. Una fonte principale di vitamina D è l’esposizione alla luce solare, ma può anche essere ottenuta attraverso alimenti come pesce grasso, olio di oliva, avocado, noci di vario genere, uova e alimenti fortificati.
      La quantità raccomandata di calcio varia in base all’età, al sesso e ad altri fattori individuali.
      Per l’assunzione di calcio bisogna assumere anche altri minerali, infatti alcuni minerali, come il magnesio e il fosforo, possono influenzare l’assorbimento del calcio. Mantenere un equilibrio tra questi minerali nella dieta può favorire un’assimilazione ottimale del calcio.
      Fattori alimentari: Alcuni componenti degli alimenti, come l’acido ossalico presente in spinaci e barbabietole, e l’acido fitico presente in cereali integrali e legumi, possono interferire con l’assorbimento del calcio.
      Attenzione ai cereali, essi possono essere un blocco all’assunzione di calcio. Tuttavia, questo non significa che tali alimenti debbano essere eliminati dalla dieta, ma piuttosto consumati in modo bilanciato con altre fonti di calcio.
      Salute intestinale: Un tratto digestivo sano favorisce l’assorbimento dei nutrienti, compreso il calcio. Mantenere la salute intestinale attraverso una dieta equilibrata, l’assunzione di fibre e probiotici può contribuire a un’assimilazione ottimale del calcio.
      Attività fisica: L’esercizio regolare, in particolare l’attività che coinvolge il peso corporeo come camminare, correre o sollevare pesi, può aiutare a mantenere la densità minerale ossea e a migliorare l’assimilazione del calcio.
      Assicurarsi di consultare un professionista sanitario per determinare le proprie esigenze individuali di calcio e sviluppare una strategia nutrizionale adeguata per massimizzarne l’assimilazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Healthy Food Delivery

Iscriviti alla nostra newsletter

Leggi la nostra Privacy Policy